image
Fatti
15 giugno 2017 - Interni - Italia - Panorama
I terroristi che si nascondono tra di noi
Negli ultimi due anni, otto terroristi degli attentati più gravi in Europa sono passati per il nostro Paese. O avevano addirittura un passaporto italiano, come Youssef Zaghba 1, il terzo uomo del commando che il 3 giugno ha compiuto una strage a Londra. Ma gli attentatori di Parigi, Bruxelles, Nizza, Berlino e Londra potevano contare anche su una «rete» di fiancheggiatori. Finora sono state individuate una decina di persone, poi espulse o finite in manette, ma potrebbero essere solo la punta di un iceberg.
Talora, come nel caso dell’italo-marocchino Zaghba, le segnalazioni del nostro antiterrorismo vengono sottovalutate. «Ben prima dell’ultimo attacco nella capitale del Regno Unito avevamo comunicato agli inglesi il numero di telefono di un utente britannico in contatto con un nostro sospettato di attività terroristica in Italia» rivela una fonte di Panorama in prima linea nella lotta alla guerra santa a casa nostra. «Al telefono parlavano di calcio, ma qualcosa non quadrava. Gli inglesi non l’hanno preso in considerazione, ma il sospetto era in contatto con il terrorista italo-marocchino dell’ultima strage» continua la fonte. «E adesso, dopo l’attacco, da Londra ci hanno mandato una serie di utenze da controllare che erano in contatto con l’italo-marocchino Zaghba, compresa quella da noi segnalata ma sottovalutata».
Il 15 marzo 2016 il giovane marocchino nato nel 1995 a Fez, ma con passaporto italiano grazie alla madre convertita all’Islam, Khadija (Valeria) Collina, viene fermato all’aeroporto Marconi di Bologna. Biglietto di sola andata, nessun bagaglio, vuole prendere un volo per la Turchia e proseguire in Siria per arruolarsi nello Stato islamico. Agli stupefatti agenti di polizia dice: «Vado a fare il terrorista» per poi correggersi con «il turista». Sul cellulare ha scaricato video jihadisti, slogan e poesie religiose in arabo. L’assurdo è che viene lasciato andare: un anno dopo massacrerà a coltellate otto persone a Londra, ferendone altre 48, assieme ad altri due terroristi prima di venire eliminato.
«Stiamo ricostruendo a ritroso la sua rete di contatti» spiegano dal Viminale. «Non tornava certo in Italia per starsene chiuso in casa con la madre, che vive vicino a Bologna (dopo la separazione dal marito in Marocco, ndr). Non a caso era seguito dalla Digos». E lunedì 13 giugno è saltato fuori un filmato tv in cui il ragazzo era in giro con un gruppo di amici tra i locali di Rimini. L’ultima volta è tornato dalla mamma a dicembre, ma in Italia ha passato almeno 60 giorni in varie trasferte proveniente dal Marocco o dall’Inghilterra. Il padre, Mohammed, vive a Casablanca e ha portato il figlio sulla strada radicale dei Tabligh Eddawa, i «testimoni di Geova» dell’Islam duro e puro. «Predicatori estremisti che a Bologna hanno centri in via Zanardi e via Libia» spiega Giovanni Giacalone, analista del jihadismo.
Secondo una fonte di intelligence europea, Zaghba è stato presentato al capo del commando di Londra, Khuram Butt, «dai contatti italiani della rete Al-Muhajiroun fondata dal predicatore Anjem Choudary». Il gruppo estremista è stato messo al bando in Inghilterra, ma ha ancora addentellati in Italia, come Zakaria Mohammed Youbi espulso ai primi di giugno dal Bresciano per attività jihadista. Il «cattivo maestro» Choudary è in prigione in Gran Bretagna, dove sconta una condanna di 5 anni e mezzo come reclutatore del terrore. Fino a inizio 2015 pontificava su La 7 da Londra, giustificando la strage al settimanale satirico Charlie Hebdo e annuciando: «Un giorno Roma sarà nostra. Non stupitevi se anche l’Italia subirà attentati».
Sotto la lente ci sono almeno una ventina di contatti del terrorista italo-marocchino, ma si punta pure sulla pista di uno o più versamenti di denaro via money transfer da cittadini britannici di origine pachistana verso l’Italia. Solo sei mesi fa, il 23 dicembre, la polizia ha ucciso Anis Amri 2 a Sesto San Giovanni, provincia di Milano. Il tunisino che al volante di un camion killer aveva fatto strage al mercatino era in fuga attraverso il nostro Paese. Nel 2001 era sbarcato con un barcone a Lampedusa, per finire subito in carcere dopo aver incendiato il centro di accoglienza. «Uno dei motivi per cui non ci sono stati ancora grossi attacchi da noi è l’arrivo dei migranti» rivela una fonte dell’antiterrorismo. «L’Italia è la porta di ingresso in Europa e a loro va bene: un attentato provocherebbe la chiusura delle frontiere. Meglio che continuino ad arrivare migranti a maggioranza islamica». Un altro investigatore in prima linea conferma che «sui canali dei migranti i terroristi hanno mandato degli esploratori, per fare da apripista agli operativi. Abbiamo sentito chi ha viaggiato lungo la rotta balcanica assieme agli attentatori di Parigi e Bruxelles senza sapere chi fossero veramente». In quattro anni dietro le sbarre Amri si radicalizza. Una volta uscito, va in Germania per unirsi a una cellula salafita e uccidere il 19 dicembre a Berlino 12 persone in nome dell’Isis. Il suo primo possibile «contatto» in Italia a venire individuato, il 24 dicembre, è il tunisino Chebli Sami 3 , fermato a Falconara Marittima vicino ad Ancona e in seguito espulso. Il 13 marzo è espulso un altro tunisino, Hisham Alhaabi. Per l’antiterrorismo risulta «intestatario di una utenza emersa tra i contatti di Anis Amri, quando quest’ultimo, nel giugno 2015, era stato ospitato a casa di Yaakoubi Montasser e della sua compagna ad Aprilia».
Gli ultimi due contatti della rete del killer di Berlino collegati all’Italia sono il marocchino Soufiane Amri 4 e il congolese Lutumba Nkanga 5 , arrestati il 28 aprile per terrorismo grazie all’inchiesta «Transito silente» di Brindisi: il primo, seguace dello Stato islamico, è in contatto con Amri a Berlino, dopo l’espulsione dall’Italia. Della cellula tedesca fa parte pure il congolese, già ospite del Centro di permanenza per rifugiati di Restinco, provincia di Brindisi.
Anche Mohamed Lahaouiej Bouhlel 6 , il macellaio del lungomare di Nizza, che ha fatto fuori 86 persone al volante di un camion, è passato per l’Italia. Nel giugno 2015 è ripreso in un video e identificato dalla polizia a Ventimiglia, mentre partecipa a una manifestazione pro migranti dell’associazione «Au coeur de l’espoir» di Nizza. Il suo complice, il tunisino Chokri Chafoud 7 , che lo aizzava via sms a lanciarsi con il camion sulla folla, ha vissuto per anni a Gravina di Puglia. Un’altra complice, l’albanese Enkeledja Zace, che con il marito ha fornito una pistola al killer di Nizza, spesso in Italia, è stata arrestata nel 2015 dai carabinieri per favoreggiamento all’immigrazione clandestina sempre a Ventimiglia.
Proprio da Bari è passato due volte, l’1 e il 5 agosto 2015, Abdeslam Salah 8 , l’unico terrorista sopravissuto delle cellule di Parigi e Bruxelles in carcere nella capitale francese. Assieme ad Ahmad Dahmani, che verrà arrestato in Turchia una settimana dopo la strage di Parigi per aver fatto i sopralluoghi sugli obiettivi, si imbarca su un traghetto per raggiungere il Pireo e incontrare ad Atene il capo del commando di Parigi Abdelhamid Abaaoud. Il 6 agosto, rientrato a Bari, Salah ripercorre in auto tutta l’Italia, come all’andata, lasciando tracce con la carta di credito. L’ultima volta è un pieno di benzina a Como. Ismael Omar Mostefai, uno dei kamikaze del Bataclan (dove è stata uccisa la veneziana Valeria Solesin) era transitato nel nostro paese nel 2013 da Marsiglia per raggiungere la Siria e arruolarsi nel Califfato.
Pure Khalid el-Bakraoui 9 , il terrorista che si è fatto saltare in aria nella metro di Bruxelles il 22 marzo 2016, ha usato l’Italia come transito. Il 23 luglio 2015 era volato dal Belgio all’aeroporto di Treviso con Ryanair. Poi si è spostato a Venezia alloggiando all’hotel Courtyard by Marriott dell’aeroporto, che costa non meno di 224 euro a notte. Alla fine si è imbarcato su un aereo Volotea per Atene. «Molti terroristi passano per l’Italia settentrionale perché hanno un riferimento specifico fra la provincia di Venezia e quella di Treviso» sostiene Sabrina Magris, esperta del fenomeno jihadista. «Il soggetto non è stato arrestato perché non faceva, in apparenza, nulla di illegale. Si trattava di una sorta di guida spirituale». I complici o fiancheggiatori dei terroristi di Parigi e Bruxelles che hanno avuto a che fare con l’Italia sono personaggi del calibro di Gelel Attar 10 , nato nel 1989 a Castel San Giovanni, provincia di Piacenza. A 15 anni lascia l’Italia per il quartiere islamico di Molenbeek, Bruxelles, dove sono nati e cresciuti i terroristi locali e quelli di Parigi. È fra i primi di Molenbeek ad andare a combattere in Siria. Nel 2013 rientra in Europa e aiuta a pianificare i futuri attacchi. Il 15 gennaio 2016 viene arrestato in Marocco.
Tre giorni dopo l’attentato di Bruxelles, il 25 marzo 2016, finisce in manette in Germania il marocchino Mohammed Lahlaoui 11 che per sette anni ha vissuto a Vestone, nel bresciano, prima di venire espulso. Lahlaoui ha scambiato sms con il kamikaze di Bruxelles, Khalid El Bakraoui, compreso un ultimo messaggio con la parola «fine».
Il falsario che ha fornito documenti contraffatti a tre terroristi di Parigi e Bruxelles, l’algerino Djamal Eddine Ouali 12 , è scappato in macchina dal Belgio in Italia attraverso il Brennero, dove sperava di trovare rifugio. Il 26 marzo 2016 è stato arrestato in provincia di Salerno. «In Italia si possono annidare soggetti pericolosi o terroristi in transito, che poi si macchiano di clamorosi attentati, per ora in altri Paesi europei» spiega a Panorama un’altra fonte in primissima linea nella lotta al terrore. «Un domani, però, potrebbero colpire anche a casa nostra. Forse non c’è una vera e propria rete, ma esiste un humus che consente a elementi jihadisti o latitanti di muoversi liberamente, senza grossi ostacoli».

video
16 febbraio 2007 | Otto e Mezzo | reportage
Foibe, conflitto sulla storia
Foibe, conflitto sulla storia

play
04 luglio 2012 | Telefriuli | reportage
Conosciamoci
Giornalismo di guerra e altro.

play
11 novembre 2008 | Centenario della Federazione della stampa | reportage
A Trieste una targa per Almerigo Grilz
e tutti i caduti sul fronte dell'informazione

Ci sono voluti 21 anni, epiche battaglie a colpi di articoli, proteste, un libro fotografico ed una mostra, ma alla fine anche la "casta" dei giornalisti triestini ricorda Almerigo Grilz. L'11 novembre, nella sala del Consiglio comunale del capoluogo giuliano, ha preso la parola il presidente dell'Ordine dei giornalisti del Friuli-Venezia Giulia, Pietro Villotta. Con un appassionato discorso ha spiegato la scelta di affiggere all'ingresso del palazzo della stampa a Trieste una grande targa in cristallo con i nomi di tutti i giornalisti italiani caduti in guerra, per mano della mafia o del terrorismo dal 1945 a oggi. In rigoroso ordine alfabetico c'era anche quello di Almerigo Grilz, che per anni stato volutamente dimenticato dai giornalisti triestini, che ricordavano solo i colleghi del capoluogo giuliano uccisi a Mostar e a Mogadiscio. La targa stata scoperta in occasione della celebrazione del centenario della Federazione nazionale della stampa italiana. Il sindacato unico ha aderito all'iniziativa senza dimostrare grande entusiasmo e non menzionando mai, negli interventi ufficiali, il nome di Grilz, ma va bene lo stesso. Vale la pena dire: "Meglio tardi che mai". E da adesso speriamo veramente di aver voltato pagina sul "buco nero" che ha avvolto per anni Almerigo Grilz, l'inviato ignoto.

play
[altri video]
radio

20 giugno 2017 | WDR | intervento
Italia
Pi cittadini italiani con lo ius soli
Estendere la cittadinanza italiana ai bambini figli di stranieri? la proposta di legge in discussione in Senato in questi giorni. Abbiamo sentito favorevoli e contrari.

play

[altri collegamenti radio]




fotografie







[altre foto]