image

02 dicembre 2015 | Radio uno Tra poco in edicola| intervento

Tensione fra Turchia e Russia

In collegamento con Gianandrea Gaiani, direttore di Analisi Difesa. In studio conduce Stefano Mensurati.




video
12 settembre 2013 | Tg5 | reportage
Maaalula: i tank governativi che martellano i ribelli
Il nostro inviato in Siria, Fausto Biloslavo, torna nel mezzo dei combattimenti fra le cannonate dei carri armati

play
10 settembre 2013 | Tg5 | reportage
L'inferno di Jobar alle porte di Damasco
Alle porte della capitale siriana il nostro inviato racconta il sobborgo ridotto a un cumulo di macerie, nella zona dove sono state usate le armi chimiche.

play
23 gennaio 2014 | Televisione Svizzera Italiana | reportage
I cristiani combattono
I cristiani in Siria vivono fra due fuochi e iniziano a difendersi, armi in pugno. 

Queste sono le giovani reclute del Sutoro, una milizia cristiana nel nord del paese travolto dalla guerra civile. Le immagini sono state girate dagli stessi miliziani.

I cristiani siriaci combattono al fianco dei curdi contro gli estremisti islamici di Al Qaida.

Il nome Sutoro deriva da un’antica preghiera in aramaico, la lingua di Gesù Cristo.

Dall’Europa non partono per la Siria solo volontari della guerra santa islamica.

Ma pure giovani cristiani per proteggere le loro comunità minacciate di estinzione. 
Come raccontano i rappresentanti della diaspora cristiana nel vecchio continente.

Da Locarno è partito per la Siria Johann Cosar, un ex sergente dell’esercito elvetico. 
Ufficialmente per documentare le sofferenze dei cristiani, ma in realtà ha dato una mano ad addestrare la milizia del Sutoro.
Dei volontari cristiani in Siria, giunti dall'Europa, parla il rappresentante del Centro culturale mesopotamico di Locarno

Sait il padre di Johan Cosar, il giovane di Locarno partito per la Siria, è un cittadino svizzero ed esponente di spicco del Partito che ha fondato la milizia cristiana. 

I servizi segreti di Damasco lo hanno arrestato lo scorso agosto.

La famiglia non parla con la stampa ma a Berna il Dipartimento federale degli Esteri è informato del caso.

Il governo siriano sostiene che Sait Cosar sia morto per infarto. 

Duecentomila cristiani sono già fuggiti dalla guerra civile. 
I loro rappresentanti, assieme ai curdi, avevano chiesto all’Onu di partecipare a Ginevra 2, senza ottenere risposta.
Nel futuro della Siria, per i cristiani, è in gioco la sopravvivenza.

play
[altri video]
articoli
24 gennaio 2015 | Il Giornale | reportage
Le trecento jihadiste europee addestrate in Siria dall’Isis e rispedite a casa come infiltrate
[continua] [www]

04 febbraio 2015 | Panorama | reportage
Vanessa e Greta, un po’ volontarie un po’ miltanti
[continua]

03 ottobre 2015 | Il Giornale | reportage
Raid russi al cuore del Califfato L’Isis: sarà un altro Afghanistan
[continua] [www]

26 novembre 2015 | Il Giornale | reportage
Il Cremlino: “No alla guerra” Ma schiera batterie di missili
[continua]

10 dicembre 2015 | Il Giornale | reportage
“Anche testate atomiche sui nostri missili in Siria”
[continua]

08 aprile 2015 | Il Giornale | reportage
Quei 3.500 bambini profughi in mano ai tagliatelle dell’Isis
[continua]

09 dicembre 2015 | Il Giornale | reportage
Lo statuto del Califfato: un sistema sovietico e bimbi a scuola di armi
[continua] [www]

[altri articoli]